• Wed. Oct 27th, 2021

D-log Blog

Blogs for people

Cassa integrazione, ecco che cosa prevede la riforma Orlando

Byninja

Aug 4, 2021

Novità anche in tema di indennità di disoccupazione: per la Naspi si allentano i requisiti d’accesso (scomparirà il riferimento alle 30 giornate effettive nell’ultimo anno) e si posticipa il meccamismo di décalage (che taglia mensilmente del 3% l’importo dal 4 mese) con un trattamento di maggior favore per i più anziani. Quanto alla Discoll (indennità per i collaboratori), si innalza la durata massima, garantendo un numero di mesi pari ai mesi di contribuzione versata, e si riconosce la contribuzione figurativa.

Il capitolo sulle politiche attive

La proposta di riforma del ministro Orlando interviene anche in tema di politiche attive, con l’estensione del nuovo strumento Garanzia occupabilità dei lavoratori (Gol) ai lavoratori in Cigs per prospetta cessazione o per accordo di ricollocazione. Non viene tuttavia indicato in cosa consiste Gol, né vi è alcun accenno a meccanismi di condizionalità.

Ai datori di lavoro che assumono lavoratori in Cigs per prospettata cessazione è riconosciuto un incentivo economico e la possibilità di assumerli con contratto di apprendistato professionalizzante, senza limiti d’età. Il Gol è esteso anche ad autonomi che chiudono la partita Iva. Sempre in tema di autonomi si prevedono più tutele in caso di maternità per madri lavoratrici autonome e professioniste, l’equo compenso è esteso a tutti i bandi e selezioni della Pa e ai progetti del Pnrr.

Le altre novità

Tra le altre novità del testo Orlando, ai fondi paritetici interprofessionali vanno incentivi economici se realizzano percorsi formativi. Il contratto d’espansione per imprese di minori dimensioni viene esteso al 2026 e si azzerano i contatori di Cigo e Cigs (manca un riferimento temporale).

Nulla si dice su costi e aliquote per finanziare nuovo sistema, c’è una previsione di «accompagnamento a carico della fiscalità generale» dal 2022 al 2024 per i costi. Sono in corso proiezioni da parte di Mef e Rgs per valutare la sostenibilità della proposta Orlando, che nella versione precedente naufragò proprio sul capitolo “costi”. Resta da capire che risposte incasserà Orlando dalle parti sociali e, in caso affermativo, quanto ciò potrà essergli d’aiuto nel confronto nel governo nell’ambito della legge di Bilancio.

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *