• Wed. Oct 27th, 2021

D-log Blog

Blogs for people

Responsabilità dei sanitari: le regole generali e lo scudo Covid

Byninja

Feb 20, 2021

Prima ci sono le regole generali del 2017 sulla responsabilità di medici, infermieri e strutture sanitarie. Poi la loro evoluzione data dalla giurisprudenza: quali colpe sono punibili e come si graduano, il nesso causale e il ruolo delle strutture sanitarie. Infine, l’emergenza Covid ha portato regole specifiche, dapprima sotto forma di scudo penale per i vaccinatori e poi per tutti i fatti legati alle difficoltà causate dalla pandemia. Su tutto, le questioni assicurative: che cosa coprono davvero le polizze e quando si può farne a meno.

Sono questi i contenuti del Focus Norme e Tributi dedicato alla responsabilità sanitaria, che sarà in edicola mercoledì 30 giugno insieme con Il Sole 24 ore, al prezzo complessivo di 2,50 euro.

Si parte dalla legge Gelli-Bianco, che nel 2017 ha delimitato la responsabilità di medici, infermieri e strutture in modo da arginare le richieste di risarcimento strumentali in casi che possono apparire di malasanità ma che è sempre molto difficile distinguere da situazioni complesse in cui le scelte dei sanitari sono delicate da prendere.

La posta in palio non è solo quella dei risarcimenti, ma la stessa salute del paziente, che rischia di essere compromessa anche da scelte improntate alla medicina difensiva: cure inefficaci, ma che possono essere meno difficilmente difese nel caso si finisca citati in giudizio.

Si pone anche il problema di individuare i casi in cui la struttura sanitaria è chiamata a rispondere al posto del professionista o insieme con lui. Gli esperti del Sole 24 Ore tracciano le distinzioni fra tutte queste complesse casistiche. E chiariscono che la manleva che le strutture si fanno rilasciare dagli operatori potrebbe non avere alcun valore.

Source link

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *